Menu

Perché il Pellet

Il pellet presenta caratteristiche termochimiche e merceologiche superiori sia in termini qualitativi che di omogeneità rispetto a quelle del cippato e della legna. Tra queste: maggiore contenuto energetico (5,3 kW/Kg contro i 4,4 kW/ Kg della legna), minore contenuto di acqua (’8% di umidità contro il 50% della legna), pezzatura più uniforme e costante. Queste qualità lo rendono di più facile gestione e trasportabilità, consentendo periodi di immagazzinamento più lunghi, tali per cui il prodotto può essere commercializzato economicamente su un raggio distributivo più ampio. La combustione sprigiona una quantità di CO2 pari a quella assorbita e sviluppata da un albero durante la crescita e la decomposizione naturale nel bosco. La combustione dei pellets, quindi, non aumenta la CO2 presente nell’atmosfera. Il potere calorifico di un buon pellet per stufe raggiunge anche le 4.400 Kcal/h per chilogrammo (PCI) mentre la legna da ardere, normalmente, si aggira sulle 2.500 Kcal / h per Kg.

L’altro aspetto molto importante del pellet è il contenuto ceneri: la legna da ardere non presenta solo il problema del contenuto acqueo (<40%) che ne abbassa drasticamente il potere calorifico ma anche quello del contenuto di corteccia ed impurità varie. La maggior parte del pellet di buona qualità presente sul mercato offre dei contenuti ceneri inferiori all’1% del peso totale e di acqua inferiore al 10%. Grazie all’azione combinata di energia solare, anidride carbonica, acqua e sali minerali in essa disciolti, il pellets si rinnova costantemente.

Banner 1

Banner 2

Banner 3


Area Clienti or Registrati